Serrature di sicurezza, quali le migliori

Nel corso degli anni, parallelamente all’uso dei più vari stratagemmi per effettuare dei furti in casa, si è cercato di migliorare anche la sicurezza di queste, a partire dalle porte d’ingresso.

Tuttavia, mentre prima bastava andare da una ferramenta a Roma o in qualsiasi altra località e scegliere una serratura tradizionale purché sicura e affidabile, adesso si tende a optare invece per quelle tecnologiche e che possano garantire la massima sicurezza possibile.

Infatti, la diffusa paura di ritrovarsi violata la propria abitazione, soprattutto se situata in zone meno abitate o frequentate, ha condotto diverse persone a ricercare una maggiore sicurezza per sé e per il proprio domicilio, cercando un aiuto nei materiali o nei sistemi più moderni.

E la tecnologia ha fatto passi da gigante anche nell’ambito delle serrature delle porte appunto. Andiamo a individuare quali tra queste rappresentano le migliori in termini di sicurezza.

Le serrature con cilindro di sicurezza europeo ed antibumping

Queste, in commercio di varie tipologie e sotto diversi marchi, rappresentano tra le migliori in circolazione al giorno d’oggi, in quanto offrono una maggiore precisione meccanica rispetto a quelle tradizionali, perchè ricavate da un’accurata e attenta fresatura millimetrica. Inoltre, sono sicure anche contro eventuali forzature con metodo “bumping”, utilizzato spesso e facilmente dai ladri.

Questo genere di scassinamento consiste, in pratica, nell’inserire in una serratura una chiave particolare e lavorata precedentemente e poi colpirla con un oggetto duro, al fine di forzare i meccanismi della porta ed aprirla.

La tecnologia usata per la realizzazione del cilindro di sicurezza europea non permette questo tipo di forzatura dell’ingresso e quindi limita al massimo le possibilità di un’effrazione da parte dei ladri.

La serratura digitale biometrica

Per coloro che, invece, intendono abbinare la sicurezza alla tecnologia più avanzata assoluta, allora è possibile optare per un tipo di serratura che non si apre con le chiavi, ma semplicemente attraverso il riconoscimento automatico di alcuni dati o parametri personali.

E questi non possono essere forzati o replicati in nessun modo. Infatti, esistono in commercio delle serrature digitali biometriche, che si aprono soltanto per mezzo di uno scanner termico oppure ottico e che leggono le impronte digitali di uno o più persone.

Se si avessero eventuali dubbi su questo genere di riconoscimento, allora è addirittura possibile usare uno scanner di tipo retinico, cioè in grado di identificare la retina e quindi l’occhio di un individuo ed aprire la porta, di conseguenza, solo a quello effettivamente registrato e riconosciuto.

Ad uno scanner, inoltre, si può abbinare anche una tastiera numerica, su cui dover digitare un codice segreto. Tutto ciò rende praticamente impossibile qualsiasi tentativo di forzatura o apertura della porta per gli estranei.