Come scegliere il dominio perfetto per il tuo sito

La scelta del nome del dominio è uno dei passi da compiere prima di procedere con la realizzazione di un sito web. Per poche decine di euro all’anno chiunque può registrare un dominio, ma la scelta del nome dominio perfetto è un’arte che non tutti conoscono.

Molto semplicemente esistono domini che sono meglio di altri e alcuni possono valere un sacco di soldi. Ci sono anche persone che si dedicano a cercare, acquistare e vendere domini, rendendo questa arte un vero e proprio modello di business.

Il nome del dominio dà identità al blog o al sito web. Tale fattore è molto importante perché è uno degli elementi che possono aiutare molto ad apparire nei primi risultati di ricerca di Google e altri motori di ricerca. Prima di rivolgerti ad un’agenzia esperta nella realizzazione siti web Lecce, Roma, Napoli ecc. ecco alcuni consigli su come scegliere il dominio perfetto per il tuo sito.

Scegli un nome facile da scrivere e da pronunciare

Se i visitatori riterranno utile il tuo sito, ci sono ottime probabilità di rivederli in futuro. Scegli un nome che sia facile da scrivere e da pronunciare, per evitare il rischio di disperdere del traffico solo perchè hai scelto un nome di dominio troppo complicato.

Evitare trattini e numeri

Il tuo nome dominio dovrebbe essere quanto più essenziale e semplice possibile. Immaginate di dover spiegare che Facebook.com è scritto face-b0ok.com. Trattini e numeri sono da una soluzione da evitare assolutamente. Se il nome dominio senza punteggiatura o cifre è stato già occupato, controlla le altre estensioni disponibili.

Usa parole chiave o frasi

A meno che tu non sia proprietario di un marchio forte e conosciuto, scegli un nome descrittivo. Inserendo la giusta parola chiave all’interno del dominio, sarà molto più facile ottenere un buon posizionamento sul web. Ricorda che ciascuna delle pagine interne del tuo sito contiene necessariamente il nome del dominio (www.tudominio.com/pagina1, www.tudominio.com/pagina2). Quindi, se si inserisce una parola chiave nel dominio, questa sarà presente in ognuna delle pagine interne.  

Pensate della zona geografica

Se la tua attività ha rilevanza a livello locale, può essere una buona idea includere l’area geografica all’interno del dominio. Ciò contribuirà a migliorare il posizionamento in Google, quando qualcuno cerca i vostri prodotti o servizi a livello locale.

Consigli per una strategia efficace di web marketing

Nel mondo di oggi, l’avvento di internet e delle nuove tecnologie ha condizionato il nostro modo di pensare, informarsi e comunicare con gli altri. La nuova frontiera digitale accoglie non solo persone fisiche, ma anche aziende di piccole e grandi dimensioni, che puntano a conquistare nuove fette di mercato tramite l’utilizzo della rete web. Per questo motivo si sente sempre più spesso parlare di web marketing, ma solo in pochi sanno di cosa si tratta. Qui di seguito vi elenchiamo i 4 punti base per realizzare un’efficace strategia di web marketing:

1) Scegli il professionista

Che sia nel settore meccanico, idraulico o edile ogni attività ha bisogno del proprio professionista. Nel caso in cui contattiate un’agenzia di web marketing Lecce, un freelance di Milano o un marketing specialist di Roma occorre scegliere bene la figura più adatta, che vi guiderà con successo nel percorso di digitalizzazione della vostra azienda. In fase di selezione valutate attentamente l’esperienza del candidato e i feedback dei precedenti clienti. Tramite essi riceverete degli ottimi indizi per valutare la professionalità della figura selezionata.

2) Fissare budget e obiettivi

Per definire una corretta strategia, è importante stabilire in anticipo il budget da destinare all’attività e quali sono gli obiettivi da raggiungere. Cercate di essere quanto più indicativi possibile, puntando ad un risultato coerente all’investimento effettuato. Il mondo del web marketing è molto ampio e variegato, perciò cercate di non disperdere risorse inutilmente scegliendo accuratamente solo i servizi utili al vostro business.

3) Scegliere gli strumenti

Definiti i primi punti, è giunto il momento di scegliere gli strumenti più efficaci per la campagna di web marketing, che per semplicità racchiudiamo in 3 principali categorie:

  • SEO (Search Engine Optimization), attività che riguarda il posizionamento del sito web sui motori di ricerca
  • SEA, ossia delle campagne pay-per-click che promuovono una o più pagine del tuo sito con delle inserzioni a pagamento
  • Social Media Marketing, attività di promozione tramite i principali social network (Facebook, Twitter, Instagram ecc.)

4) Monitorare i risultati

A conclusione delle attività, occorre verificare costantemente i risultati della propria campagna. Il mondo di internet è in continua evoluzione, pertanto un’analisi approfondita dei dati è fondamentale per il successo dell’iniziativa.

Video aziendali: scegliere l’approccio più adatto

Se è vero che il video marketing è, ad oggi, la tipologia di contenuto digitale più efficace, è vero anche che riuscire a fare breccia nelle attenzioni di un pubblico sempre più over-stimolato risulta sempre più complesso. Investire nella realizzazione di video aziendali è da ritenere una scelta assennata ma, perché il piano editoriale abbia successo, è fondamentale riuscire a offrire al pubblico qualcosa di utile e apprezzabile. Si tratta, prima di tutto, di scegliere l’approccio comunicativo più adatto allo scopo.

Commuovere ed emozionare

Uno dei filoni narrativi più apprezzati è quello che si serve del fattore emotività e che gioca sulle emozioni. Uno storytelling commovente, profondo e capace di offrire nuovi punti di vista permette di stringere un rapporto empatico con i propri spettatori, mostra il lato umano dell’azienda e si diffonde grazie al passaparola del web, alimentato da social network e piattaforme di instant messaging.

Divertire

Chiedete conferma a chi si occupa di produzione video Milano, Roma o Napoli ma è probabile che vi diranno tutti la stessa cosa: per un performer, non c’è niente di più difficile di riuscire a far ridere il proprio pubblico. E non parlo di quella risata un po’ sciocca che ci suscita un gattino vivace o un signore un po’ in sovrappeso che scivola sul parquet: il video marketing per aziende richiede un approccio più pensato e ricco di messaggi più alti. No, riuscire a intrattenere attraverso l’umorismo non è per nulla facile, ma se ci riuscite avete fatto centro!

Informare

Tutorial, video-guide, contenuti in streaming basati sul filone del “How to…” non invecchiano mai e conservano un’efficacia enorme. Mostrarsi al pubblico in prima persona e mettere il proprio know how a disposizione gratuita della gente vuol dire costruire un canale preferenziale che porta dritto alla stima degli utenti. I tutorial accrescono la notorietà e l’autorevolezza del marchio e generano nel pubblico un senso quasi di riconoscenza. Senza dimenticare che, per la realizzazione di una guida, non occorrono né particolari conoscenze tecniche di video editing né una mente particolarmente creativa.

Scioccare e impressionare

Un approccio sempre controverso e al limite è quello che si basa sullo shock. Una tattica espressiva molto in voga soprattutto per spot dedicati al sociali e per temi di interesse comune su cui si vuole attivare dibattiti, confronti e attirare attenzioni. Il rischio dell’approccio basato sull’intento di scioccare sta nella possibilità che si ottenga l’effetto opposto: l’utente, non riuscendo a gestire il carico emotivo del contenuto, può attivare un meccanismo di rimozione.

C’è video e video: su che tipologia puntare per il branding

La produzione video Lugano come a Roma e in ogni parte del mondo si basa sulla forza di messaggi immediati, efficaci e in grado di agire sull’aspetto emotivo dello spettatore. In alternativa, occorre fornire informazioni, istruzioni, contenuti che siano percepiti come utili. Un video aziendale può essere gestito in molti modi, ciò che bisogna evitare è l’indifferenza.

Video informativi

Tutorial e video-guide sono strumenti efficacissimi di video marketing. Applicati in tantissimi settori merceologici, essi hanno il merito di essere percepiti come di reale utilità, sono visualizzati direttamente dal target specifico dell’azienda che li sviluppa e permettono a quest’ultima di comunicare un’immagine aziendale competente e moderna.

Video dimostrativi

Le demo sono un modo eccezionale, diretto e immediato di mostrare ai potenziali clienti la forza dei propri prodotti e servizi. Nessun contenuto testuale, nessuna immagine, nessuna infografica è in grado di offrire la stessa forza comunicativa di un video dimostrativo, se sviluppato nella maniera opportuna.

Storytelling

Adottando un approccio completamente diverso, ci si sposta nell’ambito del marketing emozionale, quello che antepone il desiderio di creare legami a quello di dimostrare la competenza dei propri prodotti. Lo storytelling aziendale è un elemento chiave della brand knowledge da quando esiste la pubblicità, ovvero da quando esiste il denaro. Una narrazione che emoziona, diverte o fa riflettere resta nella testa del pubblico, aiuta a empatizzare a costruire una relazione che è molto di più di un semplice rapporto venditore-acquirente. L’importante, qui, è mantenere la massima coerenza fra la storia e l’immagine aziendale percepita all’esterno.

Video interviste

Un altro approccio consiste nell’impiegare gli stessi componenti dell’azienda come testimonial. Le video interviste comunicano forza ma anche trasparenza, aiutano il pubblico a percepire il lato umano di una società e a non vederla come mera fornitrice di beni e servizi. L’approccio da utilizzare varia in base all’identità aziendale ma, in valore assoluto, video di tale tipologia non possono che puntare su un’idea di autenticità.

Cos’è la SEO: spiegazione breve per i non addetti ai lavori

SEO

La SEO (Search Engine Optimization – Ottimizzazione per i motori di ricerca) include strategie, attività e strumenti dispiegati al fine di migliorare il posizionamento di una pagina web sull’elenco di ricerca dei motori di ricerca (SERP), al fine di incrementare il volume di traffico verso un sito web.

Il concetto, così espresso, appare piuttosto semplice da comprendere; ben più complicato risulta snocciolare in maniera esaustiva in cosa consista tutto quell’apparato di mezzi e operazioni posti in essere per raggiungere l’obiettivo.

La fase preliminare

Ogni strategia SEO che si rispetti inizia con una fase di analisi preliminare. Nel corso della prima fase vengono delineate le modalità operative, fissati gli obiettivi, individuato un set di keyword efficace su cui lavorare in seguita a un accurato studio del caso e a una valutazione posizionamento Google del proprio sito di riferimento e di quello dei competitor. La fase di studio iniziale è fondamentale anche per comprendere le azioni più performanti in relazione al budget a disposizione e alla competitività del settore.

Interventi on-page

Le operazioni effettuate sul sito di riferimento sono definite on-page; esse comprendono sia interventi di natura puramente tecnica volti a rendere il sito più responsivo, user friendly, veloce e leggero (tutti parametri che gli spider dei motori di sicurezza valutano positivamente) e sia di ambito copywriting, come la rielaborazione e l’ottimizzazione dei contenuti e la compilazione dei meta-tag Title e Description.

Interventi off-page

Le strategie applicate al di fuori del sito web, invece, sono definite off-page e riguardano, in particolare, attività di digital PR orientate all’acquisizione di link esterni indirizzati verso il proprio sito. Le attività di link earning (così sono definite oggi le operazioni volte a costruire una link building efficace e naturale) sono molto complesse da gestire e vertono principalmente sulla realizzazione di contenuti (testi, infografiche, immagini, video, ecc.) di qualità, che invitano editor e utenti a interessarsene, linkarli, condividerli.

Perché i video sono importanti per le aziende

Ormai, in ambito web marketing, è il tormentone degli ultimi mesi: i video sono il futuro. E anche il presente. In effetti, l’importanza di realizzare video aziendali è acclarata da tutti gli addetti ai lavori, che riconoscono un’importanza crescente a tali contenuti mediali, i quali rappresentano un valore aggiunto in grado di fare la differenza. Ma perché i video sono così importanti per un’azienda?

Immediatezza

Gli utenti del web non hanno tempo da perdere, si distraggono facilmente e non si lasciano attrarre con facilità. Un video è la chiave in grado di scardinare le resistenze degli utenti: non obbliga alla lettura, può essere fruito con un semplice clic e comunica il proprio messaggio in modo immediato. Inoltre, è molto più probabile che l’utente ricordi il contenuto di un video che non quello di un prolisso contenuto testuale.

Viralità

Un video ben fatto, interessante e in grado di catturare l’attenzione si diffonde sulla rete molto più rapidamente e con maggiore efficacia di qualunque altro tipo di contenuto. La realizzazione video Milano, a Roma e in tutte le realtà più attente è ormai sistematicamente affidata ad agenzie del settore che si occupano di fornire tale servizio. Già, perché non basta mettere su un video sfruttando i rudimenti del videomaking per avere successo online e, come per qualsiasi altro settore, occorre lasciar fare ai professionisti. Se l’iniziativa ha successo i risultati vengono ampiamente ripagati in termini di branding, acquisizione di contatti e di follower sui social, oltre che in ottica SEO.

Posizionamento

Sì, i video migliorano il posizionamento. Lo dimostrano le ultime ricerche di settore, lo fa capire Google, lo si intuisce compiendo una semplice ricerca su internet e dando un’occhiata alla SERP che, quasi inevitabilmente, presenterà uno o due video tra i primi dieci risultati della ricerca. Un video di qualità è in grado di dare forte impulso al posizionamento della pagina che lo ospita: provare per credere.

Linguaggio social: di cosa si tratta?

Il grande e massivo avvento dei social network ha chiesto agli esperti di digital pr di reinventarsi e di studiare in modo approfondito il linguaggio proprio dei social. Si tratta di una branca della semantica molto speciale, che è ormai entrata a far parte del comune uso quotidiano in quanto viene recepita dai consumatori come ‘normale’. La normalità non è un risultato che si può raggiungere con il solo buon senso, ma che chiede di essere applicata grazie allo studio delle parole, delle terminologie e anche dei metodi di interscambio che ogni giorno avvengono nell’universo social.

L’agenzia digital pr Milano di Alessia Bianchi sa proporsi come un punto di riferimento nel campo della comunicazione grazie all’attento studio della semantica social e alla mirabile applicazione della stessa in fase di digital pr. Per dare vita ad una comunicazione fresca, leggera e legata ai temi moderni, l’azienda si avvale del social media manager, una figura professionale che ha il compito di gestire la visibilità aziendale sui social network e di controllare l’impiego delle parole e dei termini di comunicazione utilizzati in fase di gestione.

Si tratta di un lavoro bello e delicato, che se cade nelle ‘mani sbagliate’ può davvero causare problemi all’azienda a livello di visibilità, ma soprattutto di costruzione della web reputation. L’uso di certi frasi, l’impiego di hashtag coerenti e ben studiati e soprattutto l’utilizzo di link ‘intelligenti’ sono solo alcune delle fasi che fanno parte della comunicazione social, le quali chiedono di essere calibrate con la massima attenzione per dare vita a un sistema di gestione attento e vincente.

Quanto bene può apportare la frase giusta postata al momento giusto? La risposta è molto, perché da questa scelta oculata può derivare la felice promozione di un bene o di un servizio, la capacità di acquisire followers e di innalzare di conseguenza la brand identity, con pochi click, che nascondono uno studio e una preparazione lunga e precisa al dettaglio.