Tutto sugli ammortizzatori per moto

amm

Gli ammortizzatori della moto servono per dare maggiore stabilità durante la guida, aiutando il pneumatico a rimanere bene aderente all’asfalto. Oltre a questo avere delle sospensioni in buono stato di salute migliora nettamente il comfort durante la guida del veicolo.

Questo si nota sopratutto nelle situazioni in cui gli ammortizzatori sono più sollecitati, come ad esempio durante le frenate brusche oppure in caso di buche sulla strada.

Quanto durano gli ammortizzatori della moto

Quando si cerca di capire la durata media di una ammortizzatore della moto, i motociclisti più inesperti fanno spesso l’errore di ragionare in anni. Cioè cercano di capire per quanto tempo può funzionare correttamente un ammortizzatore prima che sia necessario fare un controllo, oppure dopo quando tempo le sospensioni della motocicletta sono da sostituire perché diventate ormai troppo vecchie e consumate.

Prendere in considerazione il tempo come metro per la durata media degli ammortizzatori non va bene per una ragione ovvia: una moto usata tutti i giorni in città si usura molto più in fretta di una tenuta sempre dentro il garage ed utilizzata solo occasionalmente la domenica.

am

Di conseguenza, per tenere sotto controllo la durata degli ammortizzatori dobbiamo prendere in considerazione le distanze percorse in chilometri. Gli esperti del settore raccomandano di far controllare gli ammortizzatori delle nostre moto, mediamente, dopo ogni 20.000 chilometri e di sostituirli dopo circa 80.000 chilometri.

Queste sono chiaramente delle indicazioni generali, perché lo stile di guida può influire drasticamente sull’usura delle sospensioni. Poi bisogna anche notare che non tutte le moto sono uguali in termini di resistenza e qualità delle strutture.

Per questo motivo, è sempre utile controllare sul libretto delle istruzioni della proprio moto se ci sono delle indicazioni particolari riguardo alla manutenzione ed alla cura degli ammortizzatori.

In caso di dubbi, e sopratutto per quanto riguarda i motociclisti meno esperti, è una buona regola chiedere delle indicazioni su come comportarsi al venditore al momento dell’acquisto, oppure successivamente ad un meccanico di fiducia.

Quando gli ammortizzatori si consumano di più

Il tipo di strada percorsa abitualmente può influire nettamente sulla velocità di usura degli ammortizzatori. Il principio è piuttosto semplice: un ammortizzatore sollecitato frequentemente si usura in modo maggiore rispetto ad uno stressato di meno.

Guidare una moto in una autostrada per 1000 chilometri consuma meno le sospensioni rispetto a percorrere la stessa distanza in una città trafficata. Questo perché in autostrada il traffico scorre facilmente, le frenate sono molto rare e l’asfalto in genere è in buone condizioni. Mentre nelle città la situazione è opposta: il freno viene usato costantemente ad ogni semaforo oppure per rallentare a causa del traffico cittadino. Come se non bastasse l’asfalto delle nostre città è sovente pieno di buche ed in pessime condizioni.

Infine, percorre strade di campagna o altri percorsi sterrati può usurare con maggiore facilità gli ammortizzatori rispetto alla guida in città.

Stile di giuda del motociclista

Lo stile di guida del motociclista è un’altro fattore che influisce sulla vita media degli ammortizzatori. Questi dureranno per maggiori chilometri ad una persona che guida in modo prudente, rispetto ad una che ama la velocità.

Per acquisti e consigli visita il sito di accessoriabbigliamentomoto.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *