Realizzare un pieghevole: quali elementi considerare

La realizzazione di un pieghevole richiede una pianificazione accurata di ogni elemento. La pianificazione che precede lo sviluppo vero e proprio è complessa e deve essere gestita in maniera analitica, valutando al meglio ogni dettaglio in modo da non imbattersi in complesse problematiche di impaginazione di elaborazione grafica. Ecco gli elementi principali di un depliant.

Formato

Una volta predisposti contenuti e immagini, occorre dare un’organizzazione al proprio pieghevole. La prima questione da risolvere riguarda il formato più adatto. I modelli più diffusi sono quelli a 2 o a 3 ante, sviluppati partendo da un foglio dalle dimensioni A4, ma esistono tante altre alternative, partendo da fogli A3, utilizzando le pieghe a fisarmonica, ecc.

Tipo di carta

Occorre poi stabilire il tipo di carta migliore. La scelta della grammatura e della tipologia cartacea dipende sia da valutazioni estetiche e sia dal budget a disposizione. Esistono pieghevoli delle grammature più svariati, da quelli in carta uso mano di consistenza tra i 60 e i 90 g/m2 e altri in carta plastificata dal peso superiore ai 200 grammi. La stampa permette inoltre di giocare sull’effetto visivo e tattile attraverso gli effetti opaco e lucido. Ogni scelta genera una risposta differente nel pubblico e si propone per un diverso meccanismo di distribuzione e di fruizione.

Colori

Anche la scelta del colore interessa dinamiche di natura stilistica e valutazioni di carattere economico. Il bianco e nero è una soluzione minimale e di classe ma può risultare scarsamente attrattiva; il pieghevole a colori offre la possibilità di rendere il depliant più appariscente e d’impatto, ma impone anche un maggior esborso economico.

Stampa

Per ciò che riguarda l’attività di stampa depliant e della stampa in generale, resta in piedi l’atavico dibattito: meglio il sistema offset o la stampa digitale? Ad oggi, la prima tipologia resta la più performante, soprattutto per la stampa in serie a tiratura ampia; il sistema digitale, però, negli ultimi anni è stato interessato da un forte impulso tecnologico e le prestazioni sono sempre più vicine a quelle dei sistemi a lastre utilizzato con la tecnologia offset.